Beni Culturali Direzione Regionale Per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

Parma e la Stamperia Ducale: 1768- 1790


Nel febbraio del 1768 viene chiamato dal Duca Ferdinando di Borbone a Parma, per impiantarvi e dirigervi la governativa Stamperia Reale, di cui resterà alla direzione per il resto della vita. Bodoni cura la costruzione dei torchi e degli altri utensili: in pochi mesi la Stamperia, collocata nel Palazzo della Pilotta, così come gli alloggi privati del tipografo, è pronta per l'avvio ufficiale.
Inizia subito la collaborazione con l'architetto Petitot e l'incisore Benigno Bossi per la stampa di edizioni celebrative dei fasti del Ducato quali l'Ara Amicitiae in memoria della visita dell'imperatore Giuseppe II e la Descrizione delle feste... per le nozze del Duca Ferdinando con Maria Amalia d'Austria (foto ), il più splendido libro italiano di feste adorno di 70 fra tavole fuori testo, capilettera, testate e finalini; entrambe le opere sono del 1769.

Le pubblicazioni dei primi anni di attività sono realizzate utilizzando caratteri provenienti dalla Francia, ma già a partire dal 1771 Bodoni inizia il disegno e la produzione dei propri caratteri (di questo stesso anno è il primo saggio tipografico, Fregi e Majuscole incise e fuse da Giambattista Bodoni Direttore della Stamperia Reale), coadiuvato dai collaboratori, primo fra tutti il fratello Giuseppe chiamato a Parma per sovrintendere alla fonderia.

Collaborazione estremamente fruttuosa è quella tra Bodoni e l'orientalista Gian Bernardo De Rossi per varie pubblicazioni poliglotte, culminate negli Epithalamia exoticis linguis reddita (foto ) (1775), un grande in-folio encomiastico per le nozze del principe di Piemonte, che esibisce testi in ventisei lingue orientali; si orna di centotrentanove rami allegorici e ornamentali e costituisce uno dei suoi primi campioni di caratteri esotici. La passione per il disegno e l'incisione di caratteri orientali resterà in lui duratura fin oltre il Pater Noster (Oratio Dominica) (foto ) del 1806, stampato in 155 lingue diverse.

Si susseguono numerose edizioni che impongono i torchi parmensi all'attenzione dei letterati, dei bibliofili e dei viaggiatori del Grand Tour che in città fanno sosta per ammirare le pitture del Correggio e per visitare la tipografia bodoniana. Nell'occasione delle visite di sovrani, Bodoni stampa in loro onore omaggi tipografici quali l'Essai de caractère Russes (foto ) del 1782 per lo zarevic Paolo, figlio della Grande Caterina, e Upomnema Parmense in adventu Gustavi III per il re di Svezia (1784). Inoltre fanno la fama di Bodoni in quei primi decenni Gli amori pastorali di Dafni e Cloe di Longo Sofista tradotti da Annibal Caro (1786), l'Aminta del Tasso (1789), diversi classici greci, l'Aristodemo (1786) e i Versi (1787) del Monti, le Poesie campestri del Pindemonte.  

Lo studio della forma delle lettere alfabetiche diviene oggetto esclusivo di presentazione nei "manuali", ossia i campioni di caratteri che Bodoni andava via via allestendo e perfezionando dal 1771. Sono del 1788 il primo Manuale tipografico (foto ) con cento alfabeti tondi latini, cinquanta corsivi e ventotto greci e la Serie di majuscole e caratteri cancellereschi, strepitosa esaltazione, al limite dell'astrazione, dei suoi alfabeti. L'impronta severa, neoclassica delle lettere, connotata dal netto contrasto tra lo spessore delle aste e la sottigliezza dei filetti e delle grazie; la nuda, epigrafica composizione dei frontespizi e delle dediche; l'arioso giusto rapporto tra testo e immagini, fra riga e riga, fra chiari e scuri fanno della pagina bodoniana un prodigio di armonia e leggibilità.

Museo Bodoniano - Biblioteca Palatina - Strada alla Pilotta, 3 - 43100 Parma - Italia |
Tel 39 0521 220411 - fax 39 0521 235662
email: museobodoni@beniculturali.it